alimentazione alimentazione consapevole healthylize your life mindful eating

Perchè le diete ipocaloriche non funzionano?

Durante gli anni dell università mi sono resa conto di aver avuto varie “rivelazioni” riguardo all’alimentazione per dimagrire.

Dimagrire è un dis-equilibrio energetico

In un primo momento ho realizzato che dimagrire è una questione puramente di equilibrio energetico.
Si dimagrisce perchè si consuma di più di quanto di introduce, punto e basta.
Seguendo questo ragionamento mi sono resa conto di quanto tempo ed energie ho perso con metodi al limite dalla magia, tipo acqua e limone la mattina appena sveglia o con diete senza grassi / senza carboidrati /solo con certi alimenti a seconda del giorno della settimana etc. (si ne ho davvero provate di tutti i colori).

Messa in questi termini il dimagrimento dovrebbe essere la cosa più semplice del mondo: calcolo quanto consumo e introduco meno energia, ossia mangio meno.
Il problema è che siamo esseri umani e non inceneritori, quindi ci sono altri tipi di fattori che regolano il nostro peso corporeo.

… ma anche il modello del deficit energetico ha le sue falle

Continuando a parlare in termini puramente energetici, è provato che periodi prolungati a regime ipocalorico portino alla riduzione del metabolismo basale.
Ossia, in parole semplici, assumendo per parecchio tempo meno energia di quella che ci serve, il corpo si abituerà a sopravvivere con meno energia.

Cosa chiediamo ad una dieta ?

Voglio riflettere con te sulla tipologia di requisiti che vorremmo avesse una dieta.
Fin troppo spesso chiediamo alla dieta:
– di farci perdere molto peso in poco tempo
– che abbia una data di conclusione ben precisa, una volta fatta vorremmo poter tornare alla nostra “vita di prima”
– che abbia regole chiare (del tipo “le mele rosse sono un alimento ok, le mele gialle dall’altra parte sono il male per la tua linea”)

Negli ultimi anni sono state proposti diversi tipi di diete che cercano di rispondere a questo tipo di domanda (quelle che possiamo includere nel gruppo delle “diete col nome”), ma qual’ è il costo nascosto di questo tipo di regimi alimentari ipocalorici?

Il principale effetto collaterale delle diete ipocaloriche è il sovrappeso e l’ obesità.

So che sembra stia dicendo un’ enorme assurdità ma non è così.
La maggior parte delle diete ipocaloriche, sono fin troppo spesso non personalizzate, creano un deficit calorico eccessivo e sono prive della componente educativa, necessaria durante la dieta stessa e nel periodo di “mantenimento”.
Questo scatena a livello fisico quello che solitamente viene chiamato effetto yo-yo o per meglio definirla la weight cycle sindrome.

Oltre ad essere un fattore indipendente che va ad aumentare il rischio cardiovascolare, la weight cycle sindrome ha un grosso impatto a livello psicologico e comportamentale.

A livello psicologico e comportamentale una dieta ipocalorica fallita fà si che sia molto più difficile dimagrire di nuovo, sia perchè viviamo il senso di fallimento, tenderemo di più ad auto-sabotarci e a chiederci perchè durare altra fatica quando “tanto lo so che ri-prenderò tutti i chili persi”.
In alcuni casi una dieta ipocalorica sbagliata può essere la miccia che va a scatenare comportamenti alimentari disfunzionali, che possono essere molto rischiosi.

Se le diete ipocaloriche non funzionano come faccio per dimagrire ?

Qualsiasi sia il motivo per cui vuoi perdere peso e qualsiasi sia l’ammontare del peso che vuoi perdere il miglior approccio è quello che ti educhi alla corretta alimentazione per te e che vada ad aumentare il tuo livello di consapevolezza corporea e nei confronti dell’ alimentazione.
Devi mettere in conto di cambiare il tuo stile di vita a lungo termine e metterti in gioco in questo cambio di vita, sei te il protagonista.
Abbi pazienza riguardo alla velocità dei risultati, forse arriveranno velocemente, forse no, ma fidati della persona a cui ti sei affidato.

Talvolta perchè il percorso per il dimagrimento funzioni davvero c’è bisogno di un aiutino psicologico, ed è bene che sia così.

Mettiamo in chiaro che è ok farsi aiutare.
Alla fine di un percorso faticoso nessuno ci darà la medaglia perchè siamo riuscite a fare tutto da sole, senza dietista, senza personal trainer, senza psicologo. Nessuno.
Avremo solo reso ancor più difficile un percorso già difficile.
E lo so che a noi donne piace tantissimo fare le martiri per vocazione, ma sei sicura che sia un vantaggio complicarsi la vita?

riferimenti bibliografici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *