podcast

La fame

Ascolta “La fame – 09” su Spreaker.

parlare di fame è trattare un tema molto delicato nella sfera degli argomenti di competenza di un dietista.

La fame in primo luogo è un segnale biochimico mirato alla sopravvivenza dell’individuo.
Attraverso la trasmissione tra il sistema gastrointestinale, gli organi di senso e il cervello si attiva il meccanismo che porterà poi l’ individuo a cercare del cibo per soddisfare i suoi bisogni di energia.

Non è esattamente l’ opposto della sazietà bensì un sistema finemente organizzato per essere complementare.
Più che un interruttore on-off si potrebbe pensare come una gradazione.

Soddisfare la fame oltre che essere alla base della piramide dei bisogni di Maslow è anche uno dei primi esempi di accudimento che ciascuno di noi ha sperimentato nella vita.
Uno dei primi atti in cui ci siamo sentiti accuditi, contenuti e con cui qualcuno si è preso cura di noi è stato tramite l’ alimentazione e il fornirci cibo in risposta al nostro sentirci affamati.

La fame sebbene il segno di un bisogno essenziale dell’essere umano è stata ampiamente demonizzata o osannata dalla cultura della dieta.
La cultura della dieta e l’ industria della dieta hanno descritto la fame come una sorta di malessere che ci si ritorceva contro.

L’ unico modo per essere a dieta sarebbe stato essere in grado di esistere alla fame, saremmo stati fortunati a non percepirla…
Mi fa sempre molta impressione quando sento come commento a qualche regime alimentare il non sentire più la fame.
La fame è un segnale che è funzionale alla sopravvivenza, è importante riuscire a percepirla!
Immagina se tu leggessi di qualcuno felice di non percepire i segnali di pericolo, che effetto ti farebbe?

Dall’altra parte la cultura e l’ industria della dieta hanno a lungo glorificato la capacità di resistere alla fame come segno della “forza d’ animo” o “forza di volontà” di chi nonostante sentisse la morsa della fame sceglieva di resistervi per un fine superiore: “la magrezza”.
Da qui sono nate tante credenze, regole e comportamenti alimentari che in fondo miravano tutte a ingannare il senso di fame ( non le sto nemmeno a nominare tanto suppongo tu ne conosca parecchie) .

Il mio consiglio da dietista è solo uno: se hai fame mangia!
Il tuo corpo vuole il tuo bene, fidati!

Immagino che quello che mi vorresti dire ora è che te hai sempre fame, ti sembra di non capire mai quanta fame hai solo che mangeresti sempre.
Fidati del tuo corpo, impara ad ascoltare i segnali che ti invia e a rispondergli nel modo più adeguato.
Come si fa a imparare ad ascoltare la fame?
Ti suggerisco per iniziare dal semplice esercizio della meditazione dei tre respiri che trovi alla fine di questa puntata del podcast!

Per approfondire: Capire la fame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *